All'Istituto G. Caporale affidato il controllo in continuo della qualità delle acque nelle zone interessate dalle operazioni di dragaggio del porto canale di Pescara

 

Il Presidente della Provincia di Pescara , nonché Commissario Delegato alle attività di messa in sicurezza del porto canale,   ha affidato all'Istituto G. Caporale i lavori per la realizzazione del monitoraggio ambientale delle aree oggetto delle attività connesse ai lavori di dragaggio dell'avamporto e della darsena commerciale del porto di Pescara .

Il coinvolgimento dell'Istituto è risultato determinante nel consentire l'avvio dei lavori di dragaggio, altrimenti a rischio di ulteriori ritardi. L'affidamento   prevede il posizionamento di cinque stazioni di misura collocate in corrispondenza della canaletta d'accesso, nell'imboccatura nord e nei pressi della foce del fiume Pescara. Il monitoraggio in continuo ed in tempo reale è previsto per tre stazioni di misura, mentre per le rimanenti due, poste a lieve distanza verso l'esterno dell'area portuale, il controllo è periodico.

Le tre stazioni di misura, integrate in tre boe dotate di sonde multiparametriche per la rilevazione in continuo di determinati parametri chimico-fisici delle acque, sono state posizionate il 14 Novembre scorso. Il posizionamento è stato realizzato grazie alla collaborazione della Guardia Costiera - Direzione Marittima di Pescara, che ha fornito personale altamente qualificato, ed imbarcazioni indispensabili al buon fine dell'operazione.  

L'autonomia energetica delle boe è garantita dalla integrazione di pannelli solari nella struttura galleggiante. La trasmissione in continuo ed in tempo reale dei dati analitici, è affidata ad un sistema di data-logger. I dati sono visualizzabili, dagli operatori autorizzati, attraverso un portale internet. Nel contempo è iniziato il monitoraggio periodico delle ulteriori due stazioni di misura, mediante l'utilizzo di sonda multiparametrica dotata di sensore di torbidità e correntometro.

Il piano di monitoraggio prevede inoltre il controllo della colonna d'acqua  per determinati parametri chimici e fisici (IPA e Solidi Sospesi Totali), in corrispondenza delle cinque stazioni

Questa prima fase del monitoraggio ante-operam, precedente le attività di dragaggio dei sedimenti, è finalizzata alla determinazione delle concentrazioni dei parametri ambientali monitorati in assenza di attività di dragaggio, quale condizione ambientale di riferimento per la valutazione dei parametri ambientali in corso d'opera e post-operam.

 
 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Agosto 2016
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

l'Istituto G. Caporale presente ad Amsterdam alla 29^ Edizione dell'ECCMID

Dal 12 al 16 aprile ricercatori dell’IZSAM hanno preso parte alla 29^ Edizione del Congresso Europeo sui settori della Microbiologia Clinica, delle malattie infettive e del controllo delle infezioni (ECCMID).

 

OIE Animal Welfare Forum "Animal transport: a shared responsibility"

L’Istituto ha partecipato a Parigi al secondo Forum OIE sul benessere animale nel trasporto, dove ha relazionato sugli esiti del Twinning OIE con l’Università di Pretoria, Sudafrica, e sul network internazionale ERFAN.

 

Progetto europeo Erasmus+ SPAAT4FOOD

Docenti universitari di Tunisia, Romania e Portogallo all’evento organizzato dall’UNITE dove l’Istituto ha illustrato metodologie e strumenti formativi sui processi di identificazione, selezione e coinvolgimento degli stakeholder, sperimentati in diversi contesti organizzativi.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670