All'Istituto G. Caporale affidato il controllo in continuo della qualità delle acque nelle zone interessate dalle operazioni di dragaggio del porto canale di Pescara

 

Il Presidente della Provincia di Pescara , nonché Commissario Delegato alle attività di messa in sicurezza del porto canale,   ha affidato all'Istituto G. Caporale i lavori per la realizzazione del monitoraggio ambientale delle aree oggetto delle attività connesse ai lavori di dragaggio dell'avamporto e della darsena commerciale del porto di Pescara .

Il coinvolgimento dell'Istituto è risultato determinante nel consentire l'avvio dei lavori di dragaggio, altrimenti a rischio di ulteriori ritardi. L'affidamento   prevede il posizionamento di cinque stazioni di misura collocate in corrispondenza della canaletta d'accesso, nell'imboccatura nord e nei pressi della foce del fiume Pescara. Il monitoraggio in continuo ed in tempo reale è previsto per tre stazioni di misura, mentre per le rimanenti due, poste a lieve distanza verso l'esterno dell'area portuale, il controllo è periodico.

Le tre stazioni di misura, integrate in tre boe dotate di sonde multiparametriche per la rilevazione in continuo di determinati parametri chimico-fisici delle acque, sono state posizionate il 14 Novembre scorso. Il posizionamento è stato realizzato grazie alla collaborazione della Guardia Costiera - Direzione Marittima di Pescara, che ha fornito personale altamente qualificato, ed imbarcazioni indispensabili al buon fine dell'operazione.  

L'autonomia energetica delle boe è garantita dalla integrazione di pannelli solari nella struttura galleggiante. La trasmissione in continuo ed in tempo reale dei dati analitici, è affidata ad un sistema di data-logger. I dati sono visualizzabili, dagli operatori autorizzati, attraverso un portale internet. Nel contempo è iniziato il monitoraggio periodico delle ulteriori due stazioni di misura, mediante l'utilizzo di sonda multiparametrica dotata di sensore di torbidità e correntometro.

Il piano di monitoraggio prevede inoltre il controllo della colonna d'acqua  per determinati parametri chimici e fisici (IPA e Solidi Sospesi Totali), in corrispondenza delle cinque stazioni

Questa prima fase del monitoraggio ante-operam, precedente le attività di dragaggio dei sedimenti, è finalizzata alla determinazione delle concentrazioni dei parametri ambientali monitorati in assenza di attività di dragaggio, quale condizione ambientale di riferimento per la valutazione dei parametri ambientali in corso d'opera e post-operam.

 
 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Agosto 2016
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Sospensione attività per chiusura estiva

Dal 5 al 16 agosto sono sospese le attività dell’IZSAM: dall’1 agosto non saranno accettati nuovi campioni o materiali, ad eccezione di quelli la cui lavorazione sia assolutamente urgente. Assicurati, comunque, i servizi essenziali legati a situazioni d’emergenza.

 

Presentato Shelter Quality ai veterinari della Sardegna

L’Istituto ha relazionato sul protocollo Shelter Quality durante il corso di formazione “Controllo ufficiale nelle strutture di ricovero per cani”, organizzato a Cagliari dalla Regione Sardegna e dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.

 

Dispositivi salva ambiente per gli automezzi aziendali

Sabato 13 luglio, nella sede centrale dell’IZSAM di Teramo, su tre automezzi aziendali saranno montati dispositivi innovativi che riducono le emissioni inquinanti da combustione di idrocarburi. Ai test tecnici di prova dei dispositivi sono invitati gli organi di informazione.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670