Proseguono le attività del progetto SUSHIN

 

 

SUSHIN (SUstainable fiSH feeds INnovative ingredients) è un’attività di ricerca triennale iniziata nell’autunno del 2016, finanziata da Ager, Agroalimentare e ricerca: un progetto di collaborazione tra Fondazioni bancarie per sostenere la ricerca scientifica è rafforzare la leadership dell’agroalimentare italiano, preservando il delicato equilibrio tra rese produttive e sostenibilità ambientale delle filiere agricole.
Capofila di SUSHIN è l’Università di Udine; i partner sono l’IZS dell’Abruzzo e del Molise, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, la Fondazione Edmund Mach di Trento, l’Università degli Studi di Firenze, l’Università Politecnica delle Marche e il Centro di ricerca per la produzione delle carni e il miglioramento genetico del CREA (il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell’economia agraria) del Ministero della Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

L’obiettivo di SUSHIN è sviluppare soluzioni mangimistiche innovative per gli allevamenti di pesce italiani, salvaguardando la qualità e la sicurezza alimentare del prodotto ittico. A questo fine si stanno reperendo e testando nuove materie prime per la formulazione di mangimi da acquacoltura che rispondano a esigenze di sostenibilità ambientale. La farina ottenuta dal Gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii) è uno degli ingredienti per i mangimi da acquacoltura da testare su specie allevate quali orata e trota iridea. Si tratta di una specie alloctona invasiva e nociva (Black List, Regolamento di Esecuzione UE 2016/1141), pertanto il suo utilizzo risponde a due esigenze: da una parte contribuisce a ridurre il numero di esemplari di questa specie, limitandone l’espansione in zone ad alto valore ambientale, dall’altra trasforma in alimento zootecnico il prodotto eradicato altrimenti destinato alla distruzione.

I rilevamenti per individuare i siti più idonei alla sua cattura sono iniziati a marzo 2017. I campionamenti sono proseguiti con cadenza costante in primavera, estate e nel periodo autunnale. Per il reperimento dei crostacei sono state scelte due aree umide protette della Regione Lazio, comprese entrambe nella convenzione di RAMSAR dal 1971: il Parco Nazionale del Circeo e la Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa, lì dove è più importante tutelare le specie autoctone.

Del reperimento e della caratterizzazione sanitaria e organolettica di questo ingrediente si sono occupati l’IZS dell’Abruzzo e del Molise e il Centro del CREA Zootecnia e Acquacoltura di Monterotondo. I ricercatori incaricati hanno portato a termine i campionamenti catturando, in appena cinque mesi, 400 kg di gamberi rossi della Louisiana (circa 22.800 esemplari) impiegati al fine di stimare sperimentalmente il valore nutritivo per i pesci della farina ottenuta dalla sua trasformazione, nonché per individuarne i livelli di inclusione più sostenibili nella dieta delle specie target del progetto.
Parallelamente alle attività di prelievo sono state condotte analisi di tipo sanitario-ispettivo presso la sede centrale dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise e analisi di tipo nutrizionale nei laboratori della sede di Monterotondo del CREA-ZA. I risultati hanno mostrato che questo ingrediente innovativo risponde tanto alle esigenze di sicurezza alimentare, quanto a quelle di tipo mangimistico.

 

 

19 ottobre 2017 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Ottobre 2017
 
 
 
Notizie sull'argomento

Prorogato il progetto NET4mPLASTIC

Il Centro Ricerche Ecosistemi Marini e Pesca di Termoli dell’IZSAM prosegue nelle attività finalizzate a raccogliere dati su distribuzione, provenienza e caratterizzazione delle microplastiche presenti nei molluschi bivalvi nel versante italiano del mare Adriatico.

 

Organizzato ieri un round table per ERFAN

Si è tenuto ieri, 8 luglio, in modalità on line, un incontro preliminare ERFAN preparatorio al Meeting Generale di ottobre 2021 alla Biblioteca del Senato.

 

 

Ciao Elisabetta

Il personale dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” si stringe intorno alla famiglia della cara collega Elisabetta Averno venuta a mancare prematuramente.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670