Benessere animale negli allevamenti

 

 

Dal 17 al 20 settembre a Freising, in Germania, si è tenuta la seconda edizione del corso avanzato sul benessere animale durante il trasporto, mentre dal 15 al 18 ottobre ha avuto luogo a Nunspeet, in Olanda, la terza edizione del corso dedicato al benessere nei polli allevati per la produzione di carni. Entrambi gli eventi formativi sono stati organizzati dall’IZSAM in partenariato con l’Università degli Studi di Milano e finanziati dalla Consumers, Health, Agriculture and Food Executive Agency (CHAFEA) della Direzione Generale per la Salute e la Sicurezza degli Alimenti della Commissione Europea (DG SANTE), nell’ambito dell’iniziativa “Better Training for Safer Food”.

Ai due corsi hanno partecipato 61 veterinari ufficiali selezionati dai relativi Punti di Contatto Nazionale, in rappresentanza di 40 tra Stati membri dell’Unione Europea e Paesi extra europei: Albania, Argentina, Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Bulgaria, Cile, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica della Macedonia del Nord, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ucraina.

 

Nel corso avanzato sul benessere degli animali durante il trasporto di Freising, dodici esperti europei delle Autorità di controllo, del mondo accademico e del settore della ricerca, un delegato della Commissione Europea e un delegato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) - supportati da nove rappresentanti delle principali categorie di portatori di interesse: trasportatori di animali e loro associazioni, produttori di mezzi e ONG - hanno contribuito alla realizzazione di un programma didattico volto ad innalzare il livello di competenza dei veterinari responsabili dei controlli ufficiali, secondo quanto previsto dal Regolamento CE 1/2005 del Consiglio della UE sulla protezione degli animali durante il trasporto. Di particolare interesse il workshop interattivo composto da quattro sessioni parallele con tematiche di discussione e confronto tra loro correlate, quali: l’audit delle aziende di trasporto, i controlli ex ante sulla pianificazione del viaggio ed ex post sul giornale di viaggio, la formazione dei trasportatori, le linee guida del progetto europeo “Animal Transport Guides” e i relativi risvolti applicativi, i piani di emergenza adottati dai trasportatori e le autorizzazioni dei veicoli.

 

Nel corso sul benessere dei polli di Nunspeet, dieci esperti europei delle Autorità di controllo, del mondo accademico, della ricerca e dei portatori di interesse hanno sviluppato un programma didattico di taglio pratico, incentrato sul miglioramento delle competenze dei veterinari ufficiali addetti al controllo, secondo quanto previsto dalla Direttiva 2007/43/CE del Consiglio dell’Unione Europea. Direttiva che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne. Di rilevante importanza è stato il focus sui sistemi di raccolta e registrazione degli indicatori di benessere al macello, finalizzati a ricostruire informazioni utili per orientare al meglio le ispezioni in allevamento da parte delle Autorità di controllo ufficiale.

 

Entrambi i percorsi formativi sono stati caratterizzati da un approccio partecipativo grazie all’applicazione di metodologie strutturate come OPERA che consiste in un lavoro di gruppo atto a far emergere temi rilevanti, trasversali e di interesse comune. Alle lezioni teoriche sono stati affiancati momenti di discussione, attività di gruppo e in plenaria per la soluzione di casi-studio nonché, attraverso la tecnica dello storytelling, contributi dei partecipanti che hanno presentato le buone pratiche e la loro potenziale scalabilità in altri contesti nazionali.

 

La terza edizione del corso sul benessere degli allevamenti suinicoli si svolgerà a Garrel, in Gerrmania, dal 12 al 15 novembre 2019.

Per maggior informazioni: www.btsftraining.izs.it/ - e-mail: 20169606aw@izs.it

 

 

 

22 ottobre 2019 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Ottobre 2019
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Continua la cooperazione dell'IZSAM in Namibia

L’Istituto è membro del consorzio che si è aggiudicato il Tender della Commissione Europea per realizzare il progetto “Integrated Animal Health Information System (IAHIS)” in Namibia.

 

Un progetto per semplificare il processo di utilizzo di cozze di provenienza comunitaria

Assoittica e IZSAM insieme per individuare un set di parametri chimico-fisici e  organolettici per valutare oggettivamente i tempi di stabulazione di mitili di provenienza comunitaria.

 

Divulgati da AdrioNet i numeri del recupero di tartarughe marine

Nel 2020 la Rete Adriatico-Ionica dei Centri di Recupero Tartarughe Marine, che coinvolge anche l’IZSAM, ha recuperato 483 animali vivi, monitorato 16 nidi, effettuato rilievi biometrici ed esami necroscopici su diversi esemplari trovati privi di vita.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670