Brucella canis: descrizione della malattia e delle modalità di controllo

 

 

Gli esperti del Centro di Referenza Nazionale per le Brucellosi dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise hanno redatto e reso liberamente disponibile il documento tecnico “Brucellosi canina da Brucella canis: descrizione della malattia e delle modalità di controllo” che descrive nel dettaglio la malattia (eziologia, epidemiologia, patogenesi e lesioni anatomo-patologiche, sintomatologia), la diagnosi (clinica e di laboratorio), la terapia, la profilassi (diretta e indiretta) e gli aspetti di sanità pubblica. Il documento termina con una proposta di algoritmo diagnostico da utilizzare in allevamenti canini infetti da B. canis.

 

La scelta di redigere un documento tecnico e renderlo disponibile ad eventuali utilizzatori è stata condivisa con il Ministero della Salute, Ufficio III, dopo la segnalazione di un primo isolamento e identificazione di Brucella canis in un allevamento di cani italiano.

Gli esperti del Centro di Referenza Nazionale stanno collaborando con l’IZS e i servizi veterinari territorialmente competenti per la messa in campo di idonei strumenti di indagine epidemiologica e di laboratorio, e per ridurre al minimo i rischi di diffusione della malattia tra gli animali e gli allevatori.

La brucellosi canina rappresenta, infatti, anche un problema di sanità pubblica poiché le potenzialità zoonosiche della malattia possono essere favorite dalla stretta coabitazione tra uomo e cane, in special modo negli ambienti urbani.

La Brucella canis è la brucellosi specifica del cane, tuttavia può infettare anche l’uomo, sebbene il suo decorso non assuma le caratteristiche di gravità tipiche dell’infezione brucellare determinata dalle specie “classiche” del genere Brucella: nei Paesi in cui la malattia è presente (in particolare nel continente americano) è considerata un’autentica zoonosi.

 

La Brucella canis è stata evidenziata per la prima volta nel 1966 durante lo studio di diversi focolai di aborto e infertilità nella specie canina in diverse aree degli Stati Uniti d’America. Successivamente è stata dimostrata in vari Paesi del mondo a seguito dell’isolamento dell’agente eziologico, mentre in altri Paesi la sua presenza è stata sospettata sulla base del reperimento di positività sierologiche.

 

SCARICA il documento tecnico Documento in formato Adobe AcrobatBrucellosi canina da Brucella canis: descrizione della malattia e delle modalità di controllo(1304 KB)

 

 

24 luglio 2020 (MG)

 
 
 
 
© IZSAM Luglio 2020
 
 
 
Notizie sull'argomento

Pubblicate dalla FAO le linee guida per una rapida valutazione del rischio in situazioni di emergenza

A poco meno di due anni dal corso di formazione in Tanzania sul “Rapid Risk Assessment (RRA)” sono state pubblicate dalla FAO le relative linee guida.

 

 

Un incontro on line con studenti di più paesi per un Progetto sui Cambiamenti Climatici

Con il Progetto Erasmus Plus – Climate Change l’IZSAM, quale partner esperto esterno, ha incontrato virtualmente studenti di I e II grado provenienti da più Paesi.

 

 

Food Microbial Bioinformatician

Sono aperte le iscrizioni al corso eLearning organizzato dall’IZSAM come capofila del progetto europeo LEarning GenOmics for food safety - LEGO, finanziato dal programma Erasmus+, che si propone di formare l'innovativa figura professionale del Food Microbial Bioinformatician.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670