Nuove collaborazioni scientifiche tra IZSAM e Tunisia

 

 

Mercoledì 8 settembre, nella sala convegni del Centro Internazionale per la Formazione e l’Informazione Veterinaria “Francesco Gramenzi” dell’IZSAM di Teramo, si è tenuta una conferenza stampa per illustrare le collaborazioni in corso, come la formazione in Istituto di ricercatori tunisini sul sequenziamento del genoma del SARS-CoV-2 finanziata dall’OMS, e le nuove collaborazioni scientifiche tra l’IZSAM e la Tunisia che coinvolgono il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’Ambasciata d’Italia a Tunisi.

 

“Da oltre 15 anni lavoriamo a stretto contatto con i Servizi Veterinari che afferiscono al Ministero dell’Agricoltura della Tunisia: penso ad un recente un progetto sul benessere animale. Da qualche mese la storica collaborazione con il Paese nordafricano si è allargata al Ministero della Sanità, agli ospedali di medicina umana, per questo motivo abbiamo qui con noi i responsabili delle eccellenze scientifiche e sanitarie tunisine”. Queste le parole con cui il Direttore Generale dell’IZSAM, Nicola D’Alterio, ha introdotto la conferenza stampa che ha visto la partecipazione di Mohamed Hechmi Louzir e Henda Triki, rispettivamente Direttore Generale e responsabile del Laboratorio di Virologia dell’Istituto Pasteur di Tunisi, Safa Bouwazra e Yosra Kerkeni del Ministero della Sanità della Tunisia, il responsabile della Microbiologia dell’Ospedale Charles Nicolle di Tunisi e il delegato dell’OMS di Tunisi, Ramzi Ouhichi.

 

“I progetti che stiamo discutendo con i colleghi tunisini – ha continuato il DG D’Alterio – nascono dagli accordi presi durante la missione istituzionale a Tunisi del maggio scorso che ho fatto assieme al Direttore Sanitario Giacomo Migliorati. In quella occasione abbiamo avuto il piacere di confrontarci con l’Ambasciatore italiano Lorenzo Fanara che ringrazio per aver sostenuto il nostro lavoro e agevolato gli incontri con le Autorità del Paese nordafricano. La pandemia è un problema globale, per questo abbiamo avviato collaborazioni scientifiche internazionali soprattutto con Libia, Namibia e Tunisia. A fine luglio abbiamo ospitato i primi due ricercatori della Tunisia che si sono formati nei nostri laboratori sul sequenziamento del genoma del SARS-CoV-2 attraverso un progetto finanziato dall’OMS che proseguirà nel corso del 2022. L’obiettivo è condividere informazioni sui campioni biologici tunisini, è in progetto la realizzazione di un Sistema Informativo in considerazione del fatto che il Mediterraneo è un bacino dove si affacciano diversi Paesi… per prevenire e contrastare le malattie infettive è indispensabile fare rete adottando un approccio One Health, come peraltro riconosciuto durante il recente G20 dove è stata sottolineata la necessità di considerare esseri umani, animali e ambiente come un unico ecosistema per rispondere alle emergenze sanitarie di oggi e di domani”.

 

Sollecitato dai giornalisti il Direttore Generale dell’Istituto Pasteur di Tunisi, Mohamed Hechmi Louzir, ha messo in risalto il grande sostegno che la Tunisia sta ricevendo da Paesi come l’Italia per contrastare la pandemia, ad esempio attraverso la donazione di vaccini, aggiungendo che: “Le collaborazioni in cantiere con l’Istituto di Teramo, sotto l’egida dell’OMS, sono di fondamentale importanza per condividere conoscenze, capacità e risorse non solo per la pandemia da Covid-19 ma in un’ottica più ampia al fine di contrastare le possibili emergenze future attraverso la ricerca con un approccio One Health che tenga conto in egual misura della salute animale, della sanità umana e dell’ambiente”.

 

 

9 settembre 2021 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Settembre 2021
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Piattaforma del CRN per Sequenze Genomiche di microrganismi patogeni

L’incontro annuale del CRN è stato organizzato come attività di aggiornamento sulle funzionalità della Piattaforma GenPat. Hanno partecipato all’evento teramano responsabili e tecnici di 7 IIZZSS italiani.

 

Visita di due professori universitari libici

Ibrahim Eldaghayes ed Ehab Sharif della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Tripoli hanno fatto visita all'IZS di Teramo per discutere delle collaborazioni scientifiche nell’ambito delle attività del network ERFAN.

 

Progetto di Gemellaggio WOAH

Si è svolto al CIFIV dell'IZS di Teramo il corso su “Epidemiologia e Analisi del rischio”, rivolto a specialisti del KSA ARRAD dell’Arabia Saudita, nell’ambito dei progetti di gemellaggio della World Organisation for Animal Health.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670