Sanità Pubblica Veterinaria e gestione delle emergenze in Sicilia

 

 

I fenomeni vulcanici hanno notevole rilievo nella nostra penisola, tuttavia Etna e Vesuvio differiscono significativamente per il tipo di attività eruttiva e gli attori istituzionali chiamati ad intervenire in caso di emergenza devono poter disporre di specifici piani operativi, utili a garantire un’efficace azione di prevenzione, mitigazione e gestione delle emergenze di tipo veterinario. Questo per incrementare la resilienza dei sistemi produttivi agrozootecnici, limitare le possibili conseguenze negative sulla salute e sul benessere della popolazione umana e animale, nonché sulla salubrità degli alimenti di origine animale e vegetale, tenuto conto dell’effetto delle variazioni climatiche indotte dagli eventi catastrofici di maggiore entità.

 

Il 15 e 16 dicembre, nella sezione di Catania dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, si è tenuto il corso di formazione “Dal Piano Vesuvio al Piano Etna. L’attività del Medico Veterinario di Sanità Pubblica nelle emergenze non epidemiche”, organizzato dalla Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva - SIMeVeP in collaborazione con il Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica (SIVEMP).

 

Il corso, rivolto a medici veterinari e medici chirurghi (malattie infettive, igiene, epidemiologia e sanità pubblica, igiene degli alimenti e della nutrizione, medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro) ha formato professionisti nella gestione delle calamità naturali, a cui sono stati riconosciuti alla fine del percorso formativo 14 crediti ECM. Le due giornate hanno rappresentato un momento di incontro stimolante tra i diversi attori del Sistema di Protezione Civile, utile a condividere approcci, modelli e risultati raggiunti nella gestione delle emergenze di tipo veterinario su scala locale e nazionale.

 

Il primo pomeriggio del 15 dicembre il dott. Paolo Dalla Villa dell’IZSAM ha relazionato sulle attività di supporto tecnico assicurate dal Centro di Referenza Nazionale per l’Igiene Urbana Veterinaria e le Emergenze Non Epidemiche (IUVENE), da lui diretto, e dal Centro Servizi Nazionale, illustrando le funzionalità del Sistema Informativo IUVENE quale strumento di gestione e governo delle emergenze: uno strumento essenziale per la raccolta e l’analisi sistematica di informazioni e dati generati nell’ambito delle attività di Sanità Pubblica Veterinaria, nel corso di emergenze non epidemiche.

 

Partecipanti e organizzatori si sono lasciati con l’intento di riprendere la tematica, sempre più sentita a livello internazionale, e dare seguito ai diversi spunti di riflessione per migliorare la capacità operativa dei Servizi Veterinari impegnati nella gestione delle catastrofi.

 

 

21 dicembre 2017 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Dicembre 2017
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Diossine e policlorobifenili negli alimenti, nei mangimi e nell'ambiente

Il 12 e 13 giugno l’IZSAM ha organizzato a Teramo due giornate studio di presentazione delle principali attività svolte dal Laboratorio di Riferimento Europeo e dai Laboratori Nazionali.

 

La straordinaria intelligenza dei microbi

Sabato 16 giugno, alle ore 18:00, l’Istituto partecipa alla manifestazione Donne Summer di Teramo, che si tiene in occasione della Festa Europea della Musica, con un intervento sui nuovi scenari nella microbiologia degli alimenti vegetali.

 

L'Istituto all'EFSA per l'avvio del progetto europeo SIGMA

Nella sede dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare di Parma si è svolto il meeting d’avvio del progetto aggiudicato da un Consorzio formato da Istituti di 5 Paesi europei, con l’IZSAM nel ruolo di capofila.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670