L'Istituto in Sudafrica per rafforzare la partnership Italia-Africa

 

 

All’Università di Pretoria si è svolto il secondo meeting internazionale nella Regione SADC (Southern African Development Community) organizzato dall’IZS dell’Abruzzo e del Molise, sotto l’egida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE), in partenariato con altri 4 Istituti Zooprofilattici Sperimentali italiani: IZS del Mezzogiorno; IZS del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta; IZS della Sicilia e IZS della Puglia e della Basilicata. Il meeting ha riunito rappresentanti di istituzioni scientifiche di 8 Paesi africani che hanno discusso del rafforzamento della ricerca attraverso Enhancing Research for Africa Network - ERFAN: il network scientifico costituito a Teramo a marzo del 2017 durante il primo meeting internazionale organizzato dall’IZSAM, a cui parteciparono 17 istituzioni di 13 Paesi africani.

 

ERFAN è nato sulla base delle collaborazioni scientifiche sviluppate nell’arco degli ultimi 30 anni dall’IZSAM, grazie a progetti di ricerca e di cooperazione allo sviluppo nei Paesi dell’Africa del sud e del nord. Come ha fatto notare il responsabile dell’Ufficio Ricerca, Cooperazione e sviluppo dell’IZSAM, Massimo Scacchia: “è una piattaforma che aiuta il coordinamento e la collaborazione su tematiche sanitarie rilevanti, riunendo istituzioni veterinarie africane e italiane che operano a livello nazionale e internazionale”.

Alle tre giornate del meeting di Pretoria del 14, 15 e 16 novembre, ha preso parte anche il dott. Silvio Borrello, Direttore Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute, che ha evidenziato l’importanza del network come prezioso mezzo di collaborazione internazionale, sia da un punto di vista politico che tecnico-scientifico. Il dott. Romano Marabelli, Consigliere del Direttore Generale dell’OIE, ha ufficializzato l’approvazione dell’ERFAN come progetto OIE, dichiarando che per i prossimi 4 anni riceverà il supporto economico da parte dell’Organizzazione Internazionale con l’obiettivo di facilitare la rete e le attività di networking legate ai meeting internazionali.

 

Il Direttore Generale dell’IZSAM, Mauro Mattioli, ha sottolineato che: “Il workshop ha permesso di evidenziare l’importanza della messa a sistema delle varie competenze al fine di potenziare lo sforzo e la capacità di ricerca”, aggiungendo che: “La rete ERFAN facilita la condivisione di informazioni per rafforzare la sicurezza sanitaria a livello globale, il controllo delle malattie e le risposte alle crisi in accordo con le disposizioni dell’OIE”.

 

Durante i lavori è emersa l’importanza di tre elementi chiave attorno ai quali le attività dell’ERFAN verranno programmate: si tratta del trasferimento di tecnologia e innovazione, di ricerca e di supporto ai Poli di Eccellenza scientifici, inclusi i Laboratori di Referenza e i Centri di Collaborazione OIE, presenti in Africa e in Italia. Gli esperti dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise hanno ribadito l’importanza dell’introduzione di nuove tecnologie applicate alla scienza veterinaria, soprattutto nella Bioinformatica e nell’utilizzo di dati satellitari al servizio della ricerca e dello sviluppo dei Paesi africani. La partecipazione di cinque Istituti Zooprofilattici Sperimentali Italiani, su 10 esistenti, ha costituito le basi per la realizzazione di una rete degli IIZZSS che, come parte integrante del sistema Italia, può contribuire all’internazionalizzazione delle componenti della scienza e della ricerca.

 

 

12 dicembre 2018 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Dicembre 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Pubblicato il bando del X Premio Speciale IZSAM G. Caporale

La decima edizione del Premio per un filmato sulla relazione uomo-animale, nell’ambito del Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica “Gianni Di Venanzo” è indirizzato agli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado e delle Università.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

Benessere animale durante la macellazione di bovini, suini e ovini

Dal 19 al 22 febbraio si è svolto a Barcellona il primo dei 7 corsi di formazione, organizzato dall’IZSAM in partenariato con l’Università degli Studi di Milano, nell’ambito dell’Iniziativa “Better Training for Safer Food” della Commissione Europea.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670