Aqualife: ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee

 

 

Dal 4 al 6 luglio si è svolto all’Auditorium del Parco, a L’Aquila, il Convegno conclusivo del progetto Aqualife dal titolo “Ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee / Groundwater Dependent Ecosystems”.

LIFE12 BIO/IT/000231 Aqualife - Development of an innovative and user-friendly indicator system for biodiversity in Groundwater Dependent Ecosystems (GDE), attivo dal 2013, è un progetto coordinato dall’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e cofinanziato dall’Enel Produzione S.p.A. Partner del progetto il Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente (MESVA) dell’Università degli Studi dell’Aquila e la Direzione Parchi, Territorio, Ambiente ed Energia della Regione Abruzzo.

 

Aqualife ha lo scopo di aumentare la consapevolezza dell’importanza degli ecosistemi che dipendono dalle acque sotterranee: non solo le sorgenti ma anche gli ambienti di grotta, le falde acquifere alluvionali e la zona iporreica, ossia la zona di scorrimento delle acque al di sotto del letto dei fiumi. Ciascuno di questi ambienti è un ecosistema peculiare, dotato di una biodiversità particolarmente adattata alla vita nelle acque sotterranee, poco conosciuta e a volte di enorme valore conservazionistico.

L’attività di ricerca sul campo ha permesso di mettere a punto un innovativo sistema di bioindicatori in grado di valutare il rischio a cui sono sottoposti questi ecosistemi, attraverso un’interfaccia software di facile utilizzazione, un vero e proprio strumento di monitoraggio e valutazione.

 

Per l’IZS dell’Abruzzo e del Molise hanno partecipato al Convegno di L’Aquila Carla Giansante e Riccardo Caprioli che hanno presentato il poster “Chemical contamination within the water catchment area of the Aterno-Pescara: comparison between Macroinvertebrates and Fish”, elaborato in collaborazione con Gianfranco Diletti e Valeria Melai, sempre dell’IZSAM. Ai sensi della Direttiva 2000/60/CE i macroinvertebrati sono comunemente utilizzati come indicatori biologici per valutare lo stato ecologico delle acque interne. In questo studio, invece, è stata dimostrata la loro capacità di accumulare sostante chimiche potenzialmente tossiche in modo da evitare il sacrificio di specie di pregio come i pesci per la determinazione del bioaccumulo nelle acque interne.

 

 

11 luglio 2018 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Luglio 2018
 
 
 
Notizie sull'argomento

Ancora tre tartarughe spiaggiate sulle coste abruzzesi e molisane nello scorso fine settimana

Con le tre carcasse di tartaruga marina comune (Caretta Caretta) rinvenute nel fine settimana, sale a 36 il numero di esemplari sottoposti ad autopsia dall’inizio dell’anno nella sede centrale dell’IZSAM.

 

IX Premio Speciale IZSAM G. Caporale

Nella conferenza stampa del 23° Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica Gianni Di Venanzo, il dott. Paolo Dalla Villa ha presentato il IX Premio Speciale IZSAM G. Caporale per un filmato sulla relazione uomo-animale, confermando l’impegno dell’Istituto nel sostenere il Premio.

 

L'Istituto al Convegno Nazionale AIVI di Milano

Rilevante il contributo dei ricercatori dell’IZSAM al XXVIII Convegno Nazionale AIVI “Attualità nell’igiene degli alimenti: stato dell’arte e prospettive future”, che si è tenuto a Milano, nel Palazzo della Regione Lombardia, dal 12 al 14 settembre.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670