Aqualife: ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee

 

 

Dal 4 al 6 luglio si è svolto all’Auditorium del Parco, a L’Aquila, il Convegno conclusivo del progetto Aqualife dal titolo “Ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee / Groundwater Dependent Ecosystems”.

LIFE12 BIO/IT/000231 Aqualife - Development of an innovative and user-friendly indicator system for biodiversity in Groundwater Dependent Ecosystems (GDE), attivo dal 2013, è un progetto coordinato dall’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e cofinanziato dall’Enel Produzione S.p.A. Partner del progetto il Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente (MESVA) dell’Università degli Studi dell’Aquila e la Direzione Parchi, Territorio, Ambiente ed Energia della Regione Abruzzo.

 

Aqualife ha lo scopo di aumentare la consapevolezza dell’importanza degli ecosistemi che dipendono dalle acque sotterranee: non solo le sorgenti ma anche gli ambienti di grotta, le falde acquifere alluvionali e la zona iporreica, ossia la zona di scorrimento delle acque al di sotto del letto dei fiumi. Ciascuno di questi ambienti è un ecosistema peculiare, dotato di una biodiversità particolarmente adattata alla vita nelle acque sotterranee, poco conosciuta e a volte di enorme valore conservazionistico.

L’attività di ricerca sul campo ha permesso di mettere a punto un innovativo sistema di bioindicatori in grado di valutare il rischio a cui sono sottoposti questi ecosistemi, attraverso un’interfaccia software di facile utilizzazione, un vero e proprio strumento di monitoraggio e valutazione.

 

Per l’IZS dell’Abruzzo e del Molise hanno partecipato al Convegno di L’Aquila Carla Giansante e Riccardo Caprioli che hanno presentato il poster “Chemical contamination within the water catchment area of the Aterno-Pescara: comparison between Macroinvertebrates and Fish”, elaborato in collaborazione con Gianfranco Diletti e Valeria Melai, sempre dell’IZSAM. Ai sensi della Direttiva 2000/60/CE i macroinvertebrati sono comunemente utilizzati come indicatori biologici per valutare lo stato ecologico delle acque interne. In questo studio, invece, è stata dimostrata la loro capacità di accumulare sostante chimiche potenzialmente tossiche in modo da evitare il sacrificio di specie di pregio come i pesci per la determinazione del bioaccumulo nelle acque interne.

 

 

11 luglio 2018 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Luglio 2018
 
 
 
Notizie sull'argomento

A Teramo per il Benessere Animale in Sudafrica

Con la visita formativa in Istituto di due ricercatori sudafricani si avvia alla conclusione il progetto di gemellaggio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale sul benessere animale tra l’IZSAM e l’Università di Pretoria.

 

Indetta in IZSAM una nuova procedura di gara

Per la realizzazione del nuovo Reparto produzione e confezionamento vaccini e diagnostici batterici (area ex mattatoio), l’Istituto ha indetto una procedura aperta per un importo complessivo dell’appalto di € 1.801.279,40.

 

Aqualife: ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee

Ricercatori dell’IZSAM hanno partecipato al Convegno conclusivo del progetto Aqualife, dove hanno presentato il poster “Chemical contamination within the water catchment area of the Aterno-Pescara: comparison between Macroinvertebrates and Fish”.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670