Focolai di vaiolo ovino in Grecia

 
Figura 1.  Focolai di vaiolo ovino in Grecia in allevamenti misti (pecore e capre) e solo pecore nel periodo di settembre-ottobre 2017
Figura 1. Focolai di vaiolo ovino in Grecia in allevamenti misti (pecore e capre) e solo pecore nel periodo di settembre-ottobre 2017

Il 18 settembre 2017 il direttore della direzione di sanità animale, Ministero dello sviluppo rurale e degli alimenti di Atene, Grecia, ha notificato all’OIE due focolai di vaiolo ovino (Sheep poxand Goat pox) nell’Isola di Lesvos, Provincia di Voreio Aigaio. Il sospetto è stato emesso il 5 settembre e il focolai sono stati confermati il 7 settembre 2017.

 

Il laboratorio Nazionale, Centro veterinario di Atene, ha confermato la positività in 42 animali (17 ovi-caprini + 25 pecore) all’esame della RT-PCR. Sedici (11+5) di questi animali sono morti e i rimanenti 314 (69+245) sono stati abbattuti; le carcasse e i loro sottoprodotti sono state smaltiti sotto controllo ufficiale.

 

Successivamente il 3 ottobre sono stati notificati ulteriori tre focolai nella stessa isola che hanno interessato 5 ovi-caprini di cui 2 sono morti e i restanti 256 sono stati abbattuti.

La malattia è riapparsa dopo che nel marzo 2015, dicembre 2016 e gennaio 2017 altri focolai clinici erano stati notificati in allevamenti misti (pecore e capre) o di solo pecore della medesima isola. Inoltre, la malattia si è verificata in Israele nel gennaio del 2017 e in Egitto maggio 2017.

 

La ricomparsa del vaiolo ovino nell’isola di Lesvos, malattia esotica nel resto del territorio dell’Unione europea, conferma come tale area geografica, identificabile con il territorio dell’Europa sud-orientale, continui a rappresentare un possibile canale di introduzione di malattie esotiche. Infatti, anche la dermatite nodulare del bovino (Lumpy Skin disease) ha seguito un percorso simile nel 2016-2017 con focolai in Georgia, Grecia, Albania e Macedonia (FYROM). Per tali malattie, la movimentazione non controllata di animali gioca un ruolo fondamentale nel favorire la diffusione dell’infezione e la sua possibile introduzione in Unione europea.

 
 
 
© IZSAM Ottobre 2017
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Ancora tre tartarughe spiaggiate sulle coste abruzzesi e molisane nello scorso fine settimana

Con le tre carcasse di tartaruga marina comune (Caretta Caretta) rinvenute nel fine settimana, sale a 36 il numero di esemplari sottoposti ad autopsia dall’inizio dell’anno nella sede centrale dell’IZSAM.

 

L'Istituto al Convegno Nazionale AIVI di Milano

Rilevante il contributo dei ricercatori dell’IZSAM al XXVIII Convegno Nazionale AIVI “Attualità nell’igiene degli alimenti: stato dell’arte e prospettive future”, che si è tenuto a Milano, nel Palazzo della Regione Lombardia, dal 12 al 14 settembre.

 

Summer Shoal on Fish Ethology and Welfare

L’IZSAM ha partecipato al secondo incontro degli esperti europei dei settori acquacoltura e pesca, che si sono scambiati conoscenze sul benessere degli animali acquatici, tenutosi a Monfalcone (GO) i primi giorni di settembre.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670