FAO: Workshop per lo sviluppo (globale) delle competenze in epidemiologia veterinaria

 

La FAO, come parte del suo mandato principale, è impegnata nei paesi dell'Africa, dell'Asia, del Nord e Centro America, nello sviluppo delle competenze in epidemiologia veterinaria e delle capacità dei servizi veterinari nel prevenire, controllare ed eradicare le malattie animali. Inoltre, è impegnata nello sviluppo delle competenze e nell'attuazione del programma di formazione sull'epidemiologia di campo per i veterinari (FETPV) e di formazione epidemiologica veterinaria applicata (AVET). Questi programmi aiutano a migliorare e tutelare le risorse legate all’allevamento del bestiame e il sostentamento delle popolazioni, tramite la prevenzione e il controllo delle malattie epidemiche. Per questi motivi, la FAO, insieme all'Agenzia DTRA (Defense Threat Reduction Agency) e all'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), ha organizzato a Roma, in Italia, dal 19 al 21 febbraio 2018, un seminario sul coordinamento e lo sviluppo globale della formazione in epidemiologia nell’ambito del programma FETPV. 

 

Durante l'incontro, più di 80 esperti provenienti da diverse istituzioni, paesi e reti globali e regionali hanno condiviso esperienze nello sviluppo e nell'attuazione di programmi di formazione in epidemiologia per i veterinari e in salute pubblica e hanno scambiato le loro opinioni per una crescita efficace ed armonizzata dei programmi di FETPV.

 

Alcune conclusioni importanti:

 

  • È stato evidenziato che lo sviluppo di programmi FETPV dovrebbe essere costruito su programmi esistenti come il Field Epidemiology Training Program (FETP), già sviluppato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), AVET e altri programmi. Le esigenze e le richieste dei servizi veterinari variano da paese a paese e pertanto lo sviluppo di programmi di formazione epidemiologica armonizzati e flessibili per i veterinari deve rispondere alle esigenze e al contesto specifici

 

  • i partecipanti hanno concordato che la FAO è in prima linea nella stesura delle linee guida per lo sviluppo di programmi FETPV a livello regionale e nazionale. Inoltre, la FAO si impegna a sviluppare una serie di “buone pratiche” al fine di implementare e assicurare la sostenibilità dei piani. L’approccio “One Health” deve essere utilizzato come opportunità chiave per rafforzare i programmi esistenti in materia di competenze epidemiologiche e FETPV; questo aiuterà a costruire una forza lavoro collaborativa

 

  • la sostenibilità e l’impegno a lungo termine per lo sviluppo di FETPV sono assegnati ai tirocinanti, (professionalmente già formati) di FETP-FETPV che dovranno condividere le loro conoscenze e a loro volta formare altro personale.

 

Ulteriori informazioni si trovano al seguente indirizzo:

http://www.fao.org/ag/againfo/programmes/en/empres/news_160318.html

 
 
 
© IZSAM Aprile 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Gestione Acque Pulite

Il 26 marzo, al CIFIV dell’Istituto di Teramo, si tiene il convegno per presentare i risultati del progetto che ha sperimentato un innovativo sistema di disinfezione delle acque reflue, senza l’utilizzo di prodotti chimici. Il progetto, finanziato dalla Regione Abruzzo, è stato realizzato da Ambiente 2000, IZSAM e Ruzzo Reti.

 

Dall’Iraq a Teramo per la brucellosi

Il Governo USA ha finanziato tre mesi di formazione in IZSAM alla dott.ssa Ruqaya Mustafa Ali del CVL di Baghdad per migliorare le strategie irachene di controllo di questa importante malattia batterica - trasmissibile all’uomo - che colpisce bovini, bufali, pecore, capre, suini, cani e animali selvatici.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670