La fatturazione elettronica obbligatoria da gennaio 2019

 

 

Dal 1° gennaio 2019 ci saranno importanti novità sulla fatturazione elettronica: l’obbligo di emissione di fatture elettroniche mediante il sistema di interscambio SdI fornito dall’Agenzia delle Entrate verrà esteso a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti privati (partite IVA e consumatori finali).

 

La Legge di Stabilità 2018 (L. 205 del 27 dicembre 2017) ha quindi introdotto nuove regole dal prossimo anno: per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, e per le relative variazioni, saranno emesse esclusivamente fatture elettroniche utilizzando il Sistema di Interscambio e secondo il formato XML già in uso per la FatturaPA.

 

La fatturazione elettronica - che ha cambiato radicalmente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture già dall’anno 2014 - è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle stesse, che permette di abbandonare per sempre il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione. La fattura elettronica, in pratica, definisce un percorso unico standardizzato, grazie al Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate, che funge da snodo tra gli interessati e che ha il compito di verificare che il formato del documento ricevuto sia corretto e che i dati inseriti siano completi.

 

Risulta fondamentale – per poter adempiere alla trasmissione delle fatture elettroniche – disporre del codice destinatario composto da 7 cifre rilasciato dal Sistema di Interscambio SdI o, in alternativa, di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).

 

Si ricorda che la casella PEC ovvero il Canale Telematico Accreditato (FTP o Web-Service) non dovranno essere necessariamente intestati all’operatore che deve ricevere la fattura elettronica, ma anche a uno o più intermediari.

 

Per facilitare le operazioni, l’IZSAM ha messo a disposizione dell’utente una modulistica da trasmettere a uno dei due indirizzi di posta indicati nel documento.

 

 

10 dicembre 2018 (CDI)

 
 
 
 
© IZSAM Dicembre 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Presentato Shelter Quality ai veterinari della Sardegna

L’Istituto ha relazionato sul protocollo Shelter Quality durante il corso di formazione “Controllo ufficiale nelle strutture di ricovero per cani”, organizzato a Cagliari dalla Regione Sardegna e dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.

 

Dispositivi salva ambiente per gli automezzi aziendali

Sabato 13 luglio, nella sede centrale dell’IZSAM di Teramo, su tre automezzi aziendali saranno montati dispositivi innovativi che riducono le emissioni inquinanti da combustione di idrocarburi. Ai test tecnici di prova dei dispositivi sono invitati gli organi di informazione.

 

I Flag e la ricerca per lo sviluppo dei territori costieri

Il 22 giugno si è tenuto a Giulianova un interessante incontro organizzato da Fisheries Local Action Group (FLAG) Costa Blu, patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e con il contributo dell’IZSAM e dell’Università degli Studi di Teramo.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670