Seconda Conferenza Ministeriale Italia-Africa

 

 

Si è tenuta il 25 ottobre 2018 alla Farnesina, sede del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (MAECI), la Seconda conferenza Italia-Africa. Aperta dal presidente Sergio Mattarella alla manifestazione hanno partecipato 46 paesi africani, in maggioranza rappresentati a livello ministeriale e 13 organizzazioni internazionali, tra cui l'Unione Africana, per un totale di 350 delegati. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo, come si legge nella lettera del Ministro plenipotenziario SE Giuseppe Mistretta, è stato invitato in qualità di eccellenza italiana che da tempo opera con successo in Africa. Inoltre l’Istituto, in particolare il progetto ERFAN, è stato menzionato nelle brochure redatte nelle tre lingue ufficiali della Conferenza, francese, inglese e italiano, messe a disposizione dei partecipanti.

 

Il principale obiettivo per il futuro dipende proprio dalla nostra capacità di collaborare con i paesi Africani ricordando che l'Italia sarà sempre il più attento e sensibile fra gli interlocutori". Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella aprendo la conferenza. Sulla stessa linea l’intervento del Ministro degli Esteri, Enzo Moavero.

 

La conferenza ha avuto come obiettivo l’individuazione di soluzioni condivise delle principali sfide in materia di pace, libertà, lotta alla fame e alla povertà, democrazia e sicurezza e la volontà di concordare percorsi di crescita comuni attraverso la partecipazione di personalità anche del mondo dell'economia, dell'accademia, delle istituzioni e delle organizzazioni non governative italiane. E’ stato discusso, inoltre, l'aspetto della cooperazione in campo formativo e accademico e sull'interscambio culturale.

 

Quanto emerso alla manifestazione ha confermato come le attività dell’IZSAM e del neonato ERFAN intercettino diversi argomenti prioritari riguardanti la cooperazione tra Italia e Africa.

Alla conferenza si è parlato anche di agro-alimentare, agro-business e zootecnia. In merito, l’Istituto è stato indicato, nella discussione scaturita nel Panel 1, come istituzione governativa che opera da anni nell’ambito della veterinaria del continente africano.

 

I lavori sono stati chiusi dal Primo Ministro Italiano prof Giuseppe Conte.

 

7 novembre 2018 (GM)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Novembre 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Visita delegazione dell’Europa Orientale

Il 20 maggio ricercatori provenienti da Università e Laboratori di Ucraina e Moldavia hanno visitato le strutture dell’IZSAM, nell’ambito del progetto Erasmus+ “Improving skills in laboratory practice for agro-food specialists in eastern Europe (Ag-Lab)”.

 

Epidemiological models for control of arboviral disease for Europe

Al CIFIV di Teramo si è tenuto l’ultimo meeting del progetto europeo ArboNet, finalizzato a promuovere la cooperazione e il coordinamento dei programmi di ricerca nazionali sulla salute e il benessere degli animali da allevamento, compresi pesci e api.

 

Lotta all'inquinamento da micro e macro plastiche nel Bacino Adriatico

L’IZSAM è partner del progetto europeo NET4mPLASTIC insieme all’Università di Ferrara, l’Università di Trieste, l’Università di Spalato, la Regione Marche, due centri di ricerca croati e due aziende del settore.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670