Centro di Referenza Nazionale per lo studio e l'accertamento delle malattie esotiche degli animali

 
Logo CESME

Il “Centro di Referenza Nazionale per lo studio e l’accertamento delle malattie esotiche degli animali” (CESME) è stato istituito presso l’IZSAM con Decreto del Ministero della Sanità del 2 maggio 1991. Con lo stesso Decreto sono stati conferiti al Centro i compiti e le funzioni specifiche, successivamente modificati con il Decreto del Ministero della Sanità del 4 ottobre 1999. Nel rispetto dei compiti istituzionali attribuiti, il CESME formula i propri obiettivi e svolge le attività necessarie al loro raggiungimento.

 

In particolare il CESME si impegna a fornire:

  • il coordinamento dell'applicazione delle tecniche diagnostiche nei laboratori nazionali nonché la redazione e la distribuzione dei relativi metodi;
  • la produzione, la conservazione e la distribuzione degli antigeni necessari per gli esami diagnostici;
  • la tipizzazione e la conservazione in collezione degli agenti patogeni isolati;
  • la ricerca di nuovi metodi diagnostici;
  • la formazione in campo diagnostico ed epidemiologico;
  • la collaborazione con analoghi Centri diagnostici internazionali;
  • la diagnostica di laboratorio con esami di tipo virologico, sierologico, batteriologico, e parassitologico, utilizzando metodi tradizionali e molecolari;
  • l'attività di entomologia, con identificazione e monitoraggio delle specie di artropodi vettori di agenti patogeni;
  • la definizione di Piani di sorveglianza e di Manuali operativi;
  • la partecipazione a progetti nazionali ed internazionali nel settore delle malattie esotiche;
  • la gestione delle emergenze di tipo epidemico conseguenti all'insorgenza di sospetto focolaio/focolaio di malattia esotica, procedendo con le indagini epidemiologiche e gli accertamenti necessari.
  • il supporto e l’utilizzo della propria struttura trasportabile costituita da un laboratorio di contenimento BSL2 destinato al controllo dei farmaci e vaccini ad uso veterinario e di un laboratorio BSL4 ad alto contenimento biologico.

 

Il CESME fornisce la propria consulenza e servizio alle Organizzazioni internazionali quali OIE, FAO e OMS, fornisce un supporto alle attività di gestione e di governo del Servizio Sanitario Nazionale, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari (DGSFV) in caso di emergenze di tipo epidemico conseguenti all'insorgenza di focolai di malattie cosiddette “esotiche” anche con l’ausilio del Laboratorio mobile di contenimento BSL2 e di massimo contenimento BSL4.

 

Collabora con i Servizi Veterinari delle Regioni e delle Aziende USL, con gli altri Istituti Zooprofilattici Sperimentali, ed altre Istituzioni non sanitarie.

 

 
 
 
© IZSAM Ottobre 2016
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Sorveglianza della catena alimentare

L’Istituto a Bruxelles per il meeting annuale del progetto One Health-EJP NOVA, che vede la partecipazione di 19 partner europei, finalizzato a promuovere lo sviluppo di nuovi sistemi di sorveglianza per le zoonosi di origine alimentare.

 

Dall’Iraq a Teramo per la brucellosi

Il Governo USA ha finanziato tre mesi di formazione in IZSAM alla dott.ssa Ruqaya Mustafa Ali del CVL di Baghdad per migliorare le strategie irachene di controllo di questa importante malattia batterica - trasmissibile all’uomo - che colpisce bovini, bufali, pecore, capre, suini, cani e animali selvatici.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670