Centro di Referenza FAO per l'Epidemiologia Veterinaria

 
Logo FAO

A luglio del 2012 l'Istituto è stato designato Centro di Referenza FAO per l'Epidemiologia Veterinaria. I Centri di Referenza FAO sono nominati dal Direttore generale dell'Organizzazione per l'Agricoltura e l'Alimentazione delle Nazioni Unite sulla base delle competenze dimostrate e dei risultati ottenuti in campi attinenti al mandato e alle attività della FAO.

La partecipazione attiva dell'Ente e il contributo che è in grado di offrire alla realizzazione delle priorità del programma della FAO sono ulteriori criteri utilizzati nella scelta dei Centri di Referenza. Tali Centri sono chiamati a fornire consulenza tecnico-scientifica specifica e indipendente, supportando la FAO nelle sue attività di sostegno allo sviluppo tecnico e scientifico dei Paesi Membri dell'Organizzazione.

 

L'IZSAM è stato valutato positivamente in particolare per le attività in epidemiologia veterinaria, valutazione del rischio, sviluppo di sistemi informativi geografici (GIS), predisposizione di applicazioni internet web per la sorveglianza delle malattie trasmesse da vettori e lo sviluppo di metodi diagnostici innovativi per la diagnosi delle malattie animali.

 

I compiti del Centro di Referenza FAO per l'Epidemiologia Veterinaria sono:

 

  • fornire alla FAO e ai suoi Paesi Membri consulenza e competenze per quanto riguarda l'epidemiologia veterinaria in generale e l'analisi e la gestione del rischio per le malattie trasmesse da vettori in particolare;
  • informare la FAO sui cambiamenti della situazione epidemiologica delle malattie animali e sui rischi derivanti;
  • identificare i rischi associati alle malattie animali e fornire consulenza su appropriati metodi di sorveglianza;
  • valutare i metodi per la diagnosi di malattie nell'ambito del proprio settore di competenza, quali la Bluetongue e la West Nile Disease;
  • rendere disponibili la propria esperienza e conoscenza nell'ambito di programmi di sviluppo dei Paesi Membri della FAO o a livello regionale, anche attraverso l'organizzazione di corsi di formazione e seminari;
  • fornire alla FAO la consulenza di esperti per conferenze, riunioni e altre attività scientifiche.

 

Paolo Calistri - p.calistri@izs.it - responsabile del CdR FAO, veterinario

 
 
 
 
© IZSAM Ottobre 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Sorveglianza della catena alimentare

L’Istituto a Bruxelles per il meeting annuale del progetto One Health-EJP NOVA, che vede la partecipazione di 19 partner europei, finalizzato a promuovere lo sviluppo di nuovi sistemi di sorveglianza per le zoonosi di origine alimentare.

 

Dall’Iraq a Teramo per la brucellosi

Il Governo USA ha finanziato tre mesi di formazione in IZSAM alla dott.ssa Ruqaya Mustafa Ali del CVL di Baghdad per migliorare le strategie irachene di controllo di questa importante malattia batterica - trasmissibile all’uomo - che colpisce bovini, bufali, pecore, capre, suini, cani e animali selvatici.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670