Zebrafish and other aquatic models in Mediterranean labs

 

 

Negli ultimi anni sta aumentando sensibilmente l’impiego a fini scientifici degli organismi acquatici in differenti ambiti della ricerca, come le biotecnologie, la biomedicina, la farmacologia, la tossicologia, l’eco-fisiologia e l’ambiente, contribuendo all’avanzamento della ricerca nelle scienze della vita.

Danio rerio (pesce zebra), noto come Zebrafish, è sicuramente il modello più diffuso e utilizzato, grazie alle sue peculiarità biologiche quali l’elevata fecondità, la generazione di embrioni trasparenti che si sviluppano ex utero e la sua facilità di gestione in laboratorio.

 

Per questo motivo l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise ha organizzato due giornate studio sull’impiego dei modelli acquatici a fini scientifici, in collaborazione con l’Associazione Italiana per le Scienze degli Animali da Laboratorio (AISAL) e i soggetti promotori dell’iniziativa Zf-Med - Zebrafish and other aquatic models in Mediterranean labs: tra questi l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Università degli Studi di Palermo e l’Università degli Studi del Salento, con il supporto di Tecniplast spa. L’obiettivo della formazione in programma il 15 e 16 ottobre è sviluppare la conoscenza di Zebrafish e favorirne la diffusione come modello sperimentale in Italia.

 

Nelle due giornate saranno presentati gli aspetti più rilevanti degli organismi acquatici usati a fini scientifici, la normativa relativa alla stesura e valutazione di un protocollo sperimentale che ne prevede l’impiego, oltre alla biologia e alle caratteristiche di stabulazione e gestione. L’evento formativo è strutturato in due giornate, solo la prima - quella di lunedì 15 ottobre - è accreditata ECM per le figure professionali del medico chirurgo, del medico veterinario, del biologo, del chimico, del farmacista e del tecnico sanitario di laboratorio biomedico, con 7 crediti formativi. Il coordinamento scientifico è affidato dei dottori Livia D’Angelo dell’Università degli Studi di Napoli e Nicola Ferri del Laboratorio Ecosistemi Acquatici e Terrestri dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise. Tra i docenti del corso rappresentanti di Istituto Superiore di Sanità, Tecniplast spa e professori delle Università di Teramo, Palermo, Napoli e del Salento.

 

 

11 ottobre 2018 (MG)

 
Visualizza la galleria
 
 
 
© IZSAM Ottobre 2018
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Conferenza stampa di fine anno

In occasione delle festività natalizie il prof. Mauro Mattioli, DG dell’IZSAM, ha incontrato gli organi di informazione per fare un bilancio delle attività e degli obiettivi strategici raggiunti dall’Istituto nel 2018.

 

Approccio One Health nella sorveglianza di zoonosi emergenti o riemergenti

Al CIFIV di Teramo si è svolto il Workshop on surveillance of emerging arboviruses in the Mediterranean Region under a “One Health” approach, nell’ambito del progetto europeo MediLabSecure coordinato dall’Istituto Pasteur.

 

Canili dinamici e nuove metodologie per la valutazione del benessere animale

Gli esperti dell’IZSAM hanno relazionato sul Protocollo Shelter Quality al corso di formazione organizzato a Napoli dal Centro di Riferimento Regionale per l’Igiene Urbana Veterinaria.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670