Rinvenimento di una Medusa cubo a Silvi Marina

 

Il 3 agosto 2013, nella spiaggia di Silvi Marina (TE), con un retino, una bagnante ha raccolto in riva una medusa e l'ha consegnata alla Guardia Costiera. Da qualche giorno sulla spiaggia di Silvi erano stati segnalati diversi casi di bambini con ponfi dolorosi.

 

A seguito del sopralluogo presso la sede della Guardia Costiera di Silvi Marina per l'identificazione della medusa, la biologa Carla Giansante dell'IZSAM ha rilevato come l'esemplare fosse ascrivibile verosimilmente alla specie Carybdea marsupialis, nota col nome volgare di Medusa cubo o Medusa scatola (Phylum: Cnidaria - Classe: Cubozoa).

 

La medusa in questione è facilmente riconoscibile per la forma cubica dell'ombrella, trasparente, alta fino a 8 cm, e per la presenza di 4 tentacoli fortemente urticanti. Si riproduce sessualmente attraverso planule (larve) che dopo un breve periodo di vita natante si trasformano in un polipo primario e poi in medusa. Si muove contraendo ritmicamente l'ombrella e si nutre catturando piccoli pesci. Frequenta sia le acque profonde sia le acque superficiali presso la costa. Ha un 'origine tropicale atlantica ed è il solo Cubozoo presente nel Mediterraneo. Negli ultimi tempi il numero sta aumentando anche nell'Alto e Medio Adriatico, mare in cui la prima segnalazione risale al 1878 da parte di Claus.

 

Documento in formato Adobe AcrobatSegnalazione Faunistica(392 KB). Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna (dicembre 2013).

 
 
 
© IZSAM Agosto 2016
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Pubblicato il bando del X Premio Speciale IZSAM G. Caporale

La decima edizione del Premio per un filmato sulla relazione uomo-animale, nell’ambito del Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica “Gianni Di Venanzo” è indirizzato agli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado e delle Università.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

Benessere animale durante la macellazione di bovini, suini e ovini

Dal 19 al 22 febbraio si è svolto a Barcellona il primo dei 7 corsi di formazione, organizzato dall’IZSAM in partenariato con l’Università degli Studi di Milano, nell’ambito dell’Iniziativa “Better Training for Safer Food” della Commissione Europea.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670