Avvistamento di una cornacchia albina

 

Il 9 novembre 2015 la dott.ssa Carla Giansante, biologa dell’IZSAM, ha avvistato un esemplare di cornacchia albina (completamente bianca) all’interno di una popolazione di cornacchie grigie, in una zona situata tra Bussi sul Tirino (PE) e Capestrano (AQ). L’esemplare è stato fotografato e le immagini sono conservate presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”.

 

La Cornacchia grigia (Corvus cornix) è una delle due specie di Cornacchia presenti in Italia, insieme alla Cornacchia nera (Corvus corone). Facilmente distinguibile dagli altri Corvidi per la sua livrea, ha il dorso e le parti inferiori grigio chiaro, con testa, gola, ali e coda nere. Il becco è robusto, nero e leggermente ricurvo. Maschio e femmina sono indistinguibili all’aspetto, entrambi hanno dimensioni tra i 45 e i 55 cm di lunghezza, apertura alare che varia tra 84 cm e un metro, mentre il peso può arrivare a mezzo chilogrammo. È diffusa nell’intera area paleartica: ad eccezione dell’Islanda, è avvistata regolarmente in tutta Europa, con un vastissimo areale riproduttivo che abbraccia in modo uniforme la maggior parte dell’Eurasia, dalle coste atlantiche di Portogallo e Regno Unito sino agli Urali. La Cornacchia grigia in Italia è prevalentemente una specie stanziale che nidifica e sverna nel nostro Paese, ma sono stati rilevati anche fenomeni migratori, soprattutto nel Nord Europa.

 

Documento in formato Adobe AcrobatSegnalazione Faunistica(432 KB) "Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna" (giugno 2016)

 
 
 
© IZSAM Agosto 2016
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Pubblicato il bando del X Premio Speciale IZSAM G. Caporale

La decima edizione del Premio per un filmato sulla relazione uomo-animale, nell’ambito del Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica “Gianni Di Venanzo” è indirizzato agli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado e delle Università.

 

Collaborazione con l'Università di Glasgow sulla Bluetongue

Il Centre for Virus Research dell’Università scozzese e l’IZSAM hanno sottoscritto un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che ha portato a Teramo, per tre mesi, il veterinario patologo dott.ssa Vanessa Herder.

 

Benessere animale durante la macellazione di bovini, suini e ovini

Dal 19 al 22 febbraio si è svolto a Barcellona il primo dei 7 corsi di formazione, organizzato dall’IZSAM in partenariato con l’Università degli Studi di Milano, nell’ambito dell’Iniziativa “Better Training for Safer Food” della Commissione Europea.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670