La gestione delle emergenze in sicurezza alimentare

 

 

La risposta rapida ed efficace ai focolai di malattie trasmesse dagli alimenti è uno dei temi centrali del Piano di Prevenzione 2014-2018 della Regione Abruzzo che ne individua le risorse, definendo i compiti, le responsabilità, le modalità d’intervento e di coordinamento dei diversi attori chiamati a operare. Per gestire un’emergenza che minaccia la sicurezza alimentare sono indispensabili una corretta organizzazione, una formazione specifica ex ante e conoscenze tecnico-scientifiche certificate. Caratteristiche che l’IZSAM trasferisce in tutto il mondo e per le quali viene chiamato spesso a intervenire, come durante il focolaio di Listeriosi del 2015-2016 nella Regione Marche, nel caso verificatosi a metà agosto del 2017 sulla contaminazione di uova provenienti dall’Olanda e in quello della gastroenterite da Campylobacter che la scorsa estate ha colpito gli alunni di oltre venti scuole di Pescara.

 

Nel campo della sicurezza alimentare l’Istituto è impegnato da anni nella formazione e nel trasferimento di conoscenze ai professionisti del settore. Dal 2 al 30 maggio si è svolta la prima fase del corso di formazione blended, ovvero in modalità mista e-learning e residenziale, “Gestire le emergenze (epidemiche e non) relative alla sicurezza alimentare e agli eventi straordinari” che il 5, 6 e 7 giugno concluderà con tre giornate in presenza. Il corso, di cui è responsabile scientifico il dott. Francesco Pomilio, è accreditato ECM con 50 crediti formativi, utilizza metodologie e strumenti innovativi, interattivi, progettati per favorire l’acquisizione di competenze tecnico-specialistiche e supportare la pratica lavorativa: centrale nel percorso formativo l’utilizzo delle linee guida “Toolkit for investigation and response to Food and Waterborne Disease Outbreaks dell’ECDC, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, tradotte e adattate al contesto nazionale e più specificatamente locale.

 

I beneficiari sono 32 professionisti del Servizio Sanitario abruzzese tra medici veterinari, chirurghi, biologi, tecnici sanitari di laboratorio biomedico e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, che alla fine del corso saranno in grado di realizzare piani di emergenza in materia di sicurezza alimentare secondo protocolli di collaborazione tra i diversi stakeholders del sistema: Autorità competenti locali, ospedali e laboratori diagnostici, laboratori deputati alla diagnostica e alla sorveglianza nel settore alimentare e veterinario. Da segnalare che nella seconda giornata di formazione i partecipanti, divisi in 4 gruppi e supportati da tutor/facilitatori dell’IZSAM, effettueranno esercizi di simulazione ispirati alle regole metodologiche della gamification in quattro aziende del territorio: il Salumificio Salpi di Ancarano (TE), l’Ipermercato Oasi di Piano D’Accio (TE), il Ristorante Resort Regis di Turrivalignani (PE) e il Mattatoio Comunale di Pescara.

 

 

5 giugno 2019 (MG)

 
 
 
 
 
© IZSAM Giugno 2019
 
 
 
 
Notizie sull'argomento

Ancora un tursiope trovato senza vita sulla costa abruzzese

Lo scorso fine settimana è stato rinvenuto senza vita a largo della costa di Ortona (CH) un tursiope femmina adulto.

 

Al via la formazione in entomologia

Al CIFIV dell’Istituto si è svolta la prima sessione del corso finalizzato alla formazione di personale in grado di coordinare l’applicazione delle misure di sorveglianza, contrastare la proliferazione delle zanzare e limitare la circolazione virale in caso di epidemia.

 

Pubblicato il bando della Ricerca Finalizzata 2019

Sono 100 i milioni di euro messi a disposizione per la ricerca sanitaria attraverso il bando della Ricerca Finalizzata 2019 pubblicato dal Ministero della Salute. Da oggi è possibile iniziare a presentare i progetti.

 

 
 
 
 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale

dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale"

 

Campo Boario | 64100 TERAMO | ITALIA

Telefono 0039.0861.3321 | Fax 0039.0861.332251

e-mail: archivioeprotocollo@izs.it

Posta elettronica certificata: protocollo@pec.izs.it

Partita IVA: 00060330677

Codice Fiscale: 80006470670